şükela:  tümü | bugün
  • andrea bocellinin sogno adli albumunden bir sarki;

    solo come fosse un’abitudine
    passo fuori al bar anche stasera
    c’è nell’aria un’eco che solletica
    una voce che non sembra nuova
    e anche se vicina ti nascondi sai perchè
    perchè tu stai parlando ancor di me
    tu non mi sai dimenticar
    ad un’amica che non sa
    tu stai parlando del mio cuor
    in tutto il bar aroma di caffè
    e risuona al banco dei gelati la tua
    favola d’amore
    la calunnia è un venticello perfido
    dissero il maestro e la sua penna
    tu hai creduto vere tante chiacchiere
    ma per me non c’era alcun motivo
    di prestare credito all’invidia
    sospettosa
    e tu stai lì che parli ancor di me
    tu non saprai dimenticar
    il mio inglese incerto che
    ti ha conquistata in questo bar
    quanti caffè hai bevuto insieme a me
    io ti dissi i love rossini lei conosce
    l’opera italiana
    qui davanti al banco dei gelati io
    mostro alla tua amica il mio amore
    diteglieo voi alla mia bella
    che vi siede accanto indifferente
    che se l’opera non basta ci sarà
    un’altra canzone
    mentre stai parlando ancor di me
    tu non mi sai dimenticar
    io sto cantando ancor di te
    perchè io non ti so scordar